Association Humanitaire Manlife - Conseil d'administration
 

Associazione autorizzata dal Principato di Monaco
(decreto ministeriale n° 2004-256 del 13/ 5/2004)

"Oggetto sociale (estratto dello statuto) :
"...fornire assistenza ai poveri ovunque nel mondo, sotto forma d'aiuto alimentare, sanitario, educativo o con la creazione di strutture adeguate....
....si porterà una grande attenzione all'aiuto ai bambini."
Italiano
2004 2005 2006 2007 2008 2009 2011 2012 2013

Mozambico 2015

RAPPORTO DI VIAGGIA ESMABAMA          maggio 2015

Di ritorno in Mozambico per il consueto viaggio attraverso i Centri di Esmabama.
Ormai é un ritorno tra amici,  non più una verifica del lavoro effettuato, tale é la fiducia nei loro confronti. La novità importante é il rientro in Italia del fondatore e Direttore Generale di Esmabama dall’anno della sua costituzione nel 1992, Padre Ottorino Poletto, con l’ingresso del nuovo Direttore Fabrizio Graglia.

Strada per Barada. La strada principale in asfalto, quello che é rimasto, con buche che possono inghiottire le ruote. Poi strada sterrata, il solito odore di terra e … le solite buche. Improvvise, inprevedibili. Si, siamo tornati e la strada non cambia mai. Sembra che, quando la rifanno, la rifacciano già con le buche.

A Barada ci accoglie Tito Cappellaro, vice direttore, a Beira ormai da 7 anni, in visita con due membri dell’Associazione spagnola Manos Unidas. Questi ultimi sono importanti finanziatori che, in un progetto triennale, hanno contribuito allo sviluppo delle attività agrarie e alla costruzione di un importante sistema di irrigazione.
A Barada sono iscritti 1675 studenti dei quali  434 in internato. In internato vivono soprattutto studenti che provengono da zone lontane e che non avrebbero alcun altra possibilità di frequentare una scuola.
Dal 2007 é anche attiva la scuola di agraria, frequentata quest’anno da 68 studenti dei quali 28 ragazze.  Progetto a nostro avviso molto interessante quello delle scuole agrarie, che prevede l’alternanza di due settimane di lezioni e due settimane di lavoro presso il proprio villaggio. Ogni studente sceglie il proprio settore di applicazione (orto di casa, allevamento di animali ecc.) che deve sviluppare quando é a casa. Il professore va a verificare quanto realizzato.

Costruzione di piattaforme per le latrine
Macintosh HD:Users:francescomantuano:Pictures:iPhoto Library:Masters:2015:05:05:20150505-191838:DSC_0626.JPG

 

 

Interessante l’iniziativa di insegnare agli alunni come costruire una latrina. Nel distretto di Buzi, dove ci troviamo, il 92% della popolazione vive nelle capanne prive ovviamente di ogni servizi igienico. Viene insegnato come con ½ sacco di cemento si possa costruire una solida base di appoggio e come scavare la fossa sulla quale posarla. Semplici insegnamenti che propongono pero’ un nuovo approccio al modo di organizzare la propria vita.

Macintosh HD:Users:francescomantuano:Pictures:iPhoto Library:Masters:2015:05:05:20150505-191838:DSC_0633.JPG

 


Sono stati dati in gestione i 300 ettari di  piantagione di palma da cocco, troppo onerosa la manutenzione per gli studenti e gli operai di Esmabama che non ne traevano beneficio.


Oltre alla noce di cocco viene utilizzato il legname e, dalla radice, vengono realizzati utili vasi da giardino.

Il sistema é « in rodaggio », si cercano le strade per la commercializzazione

Macintosh HD:Users:francescomantuano:Pictures:iPhoto Library:Masters:2015:05:05:20150505-191838:DSC_0845.JPG

 

 

Con grande soddisfazione vediamo il centro di salute in funzione. Avevamo contribuito all’ultimazione della struttura, rimasta in sospeso per assenza di fondi.

E’ una grande emozione vedere queste persone in attesa di incontrare il personale sanitario e sapere che, prima, non avrebbero avuto alcuna possibilità di farsi visitare

Macintosh HD:Users:francescomantuano:Pictures:iPhoto Library:Previews:2015:05:05:20150505-191838:TLeZUbybRiaIq1wPdNI4IQ:DSC_0847.JPG

 

Nei casi, ad esempio, di malaria, un ritardo di 24 ore nella diagnosi e inizio della cura sono sufficienti a fare la differenza tra la guarigione e la morte.


Il mattino successivo riprendiamo la via per Mangunde fermandoci, lungo la strada, a Estaquinha, il centro di eccellenza per l’agricoltura.

ESTAQUINHA

Classa di agraria
Macintosh HD:Users:francescomantuano:Desktop:DSC_0905.JPG

1.917 gli studenti, 472 in internato.  Anche qui é attiva la scuola di agraria. Le terre della regione sono molto fertili, ma le condizini di vita sono di estrema povertà dipendendo esclusivamente dalle piogge, che negli ultimi anni sono state molto scarse.

 

 

 Lezzione di pratica agraria
Macintosh HD:Users:francescomantuano:Desktop:DSC_0929.JPG

 

Les terres de la région sont très fertiles, mais les conditions actuelles de vie sont d'une extrême la pauvreté, dépendant uniquement des pluies, qui ces dernières années ont été très rares.

 

                 

La richiesta di iscrizione per i più piccoli é in costante aumento. In emergenza la Direzione ha deciso di allestire nuove aule « vecchia maniera », certamente più veloci da  costruire e meno costose.

Macintosh HD:Users:francescomantuano:Desktop:DSC_0890.JPG

 

 

 

Nuova aula per le prime classi

 

Molto importante in Estaquinha il progetto di alfabetizzazione. Gli educatori, opportunamente formati, contattano villaggi dove « nessuno é mai andato prima », ne lo stato ne le ong, per dare un’istruzione di base agli adulti. Il ciclo dura 3 anni e viene rilasciato un diploma equivalente alla 5° elementare. Sono soprattutto le donne che frequentano i corsi. Questi adulti potranno cosi leggere le lettere inviate dai figli, poter vendere i loro prodotti della terra senza « essere imbrogliati » (come dichiarato da loro) ecc.
Gli adulti iscritti quest’anno ai corsi di alfabetizzazione sono, nella regione di Estaquinha, 426. I costi relativi a tale attività sono tutti sostenuti da Esmabama. Tutto dipende quindi dai donatori.

Ripartiamo per Mangunde, dove la specificità é nel centro si salute.

MANGUNDE
2.050 studenti, 653 in internato. La quasi totalità degli studenti delle classi superiori vivono in interno. Non hanno alternative per il proseguimento degli studi.

Il centro di salute é stato il primo in Mozambico ad attivare il servizio di diagnostica e trattamento dei malati di HIV/AIDS nelle zone rurali.
Sono inoltre particolarmente efficaci il centro maternità e il laboratorio di analisi, tanto che il Ministero della Salute mozambicano ha deciso di inviare un medico permanentemente nella struttura.
C’é tuttavia carenza di materiali sia di uso quotidiano sia di attrezzature di base (stetoscopi, bilance per neonati, bombole di ossigeno, letti ecc.). Decidiamo di acquistare, con i 900 € di un dono ricevuto, tre sedie a rotelle indispensabili per lo spostamento dei malati.

Il forno per il pane continua a funzionare e, per meglio sfruttarne tutte le potenzialità,  é stato dato in gestione.

Il nostro breve giro attraverso i centri educativi di Esmabama é concluso. Non abbiamo purtroppo il tempo di passare da Machanga, la missione a noi più cara, dove l’intervento di Manlife é stato sostanziale nella ricostruzine di quasi tutti gli edifici.  Sarà il centro di maggior interesse per la nostra prossima visita.

Ancora una volta constatiamo che le strutture sono tutte operative, che il numero di studenti sarebbe ancora in crescita, segno evidente che altre scuole pubbliche non vengono create. Gli insegnanti sono praticamente tutti pagati dallo stato che ora contribuisce anche alla salute con la presenza di un medico, un infermiere superiore, 10 tecnici medi e 12 tecnici di base.  Certamente un solo medico non é molto, per migliaia di visite, ma medici e infermieri sono rari e « costosi » anche in Mozambico.
Non possiamo che confermare la nostra fiducia e profonda ammirazione per tutto quanto viene fatto per promuovere il miglioramento degli standard sociali, sanitari e economici di queste popolazioni. Manlife conferma il proprio sostegno.

Riprendiamo il viaggio di ritorno verso Beira, il nostro pulmino ha un guasto al radiatore e fortunatamente veniamo recuperati dal pick up di Fabrizio di ritorno anche lui a Beira. Cinque passeggeri più noi otto sul cassone esterno.  Succede, in Africa. Dopo alcune ore arriviamo in aeroporto per scoprire che il nostro volo per Maputo era stato … anticipato di due ore. Niente da fare fino al giorno successivo, forse in serata. Si, siamo proprio in Africa, Mozambico.